Obiettivi: Classificazione e consigli d’acquisto.

Salve a tutti e ben ritrovati nel Corso di Fotografia digitale. Oggi parliamo ancora di lenti (obiettivi): come si suddividono, quante ne esistono in commercio e magari con quali cominciare.

Cominciamo col dire che in commercio esistono un numero enorme di obiettivi che si differenziano per marche, qualità, dimensioni, prezzi, funzioni ecc. ecc.

Quello che serve è ordine. Iniziamo a dividere le lenti in due grandissime categorie: le lenti c.d. prime e quelle zoom. (Fig. 1)

Le lenti prime (o comunemente denominate “fisse”), sono lenti che hanno una focale fissa, ovvero 24mm – 35mm – 50mm fino a giungere ai grandi teleobiettivi, di solito molto luminose e di ottima qualità. Il problema dov’è? Che per possedere un “range” focale quasi completo, un fotografo dovrà appunto acquistare e portare con se un corpo macchina e 3/4 obiettivi per coprire una grossa fascia di escursioni focale. Qualitativamente parlando, è un’ottima abitudine possedere e portare con sé questo tipo di ottiche ma l’altra faccia della medaglia è ovviamente la scomodità data dall’enorme ingombro che queste ottiche vi restituiscono in termini di peso e dimensioni. L’altro problema da non sottovalutare è che ogni volta che bisogna cambiare distanza dal soggetto (se non si vuole mutare la posizione del fotografo), bisognerà cambiare l’ottica e quindi tempo che se ne perde con queste operazioni. (Fig. 2)

Per questo motivo, con l’avanzata della tecnologia ottica, sono arrivate le lenti zoom. Esse permettono un’escursione focale ampia e quindi consentono al fotografo di coprire una forbice più ampia e lasciare a casa un po’ di ottiche fisse.

Un esempio di qualità e di versatilità è il medio-tele 24-70 F2.8 L di Canon che vi permette un’escursione focale buona e vi restituisce anche qualità e luminosità in condizioni estreme di scatto. Ce ne sono a decine di ottiche di questo tipo sul mercato e per tutte le fasce di prezzo. (Fig. 3)

canon-24-70
Fig. 3          24-70 F2.8 L Canon

Gli obiettivi zoom, ovviamente, data la natura costruttiva estremamente complessa, non sempre sono luminosissime e molte volte non regalano immagini di qualità eccelsa a meno che non si voglia spendere centinaia se non migliaia di euro. La loro fascia di prezzo è ampissima, si va da poche centinaia di euro a migliaia… va da solo il concetto che più spendete, più l’ottica vi regala prestazioni e risultati migliori.

Lo abbiamo fatto già in parte nel precedente post ma ribadiamo qual è la classificazione dei vari obiettivi in commercio partendo dai Fish Eye che ha un angolo di campo grandissimo, fino ad arrivare ai super-tele con angolo di campo molto ridotti.

Il Fish-Eye è una lente grandangolare un po’ particolare, usata soprattutto per contest sportivi o in eventi mondani, in quanto con la loro particolare visione a 180 gradi, regalano immagini anche un po’ bizzarre sotto certi punti di vista. (Fig.4)

canon_8-15_fisheye
Fig. 4            8-15mm Fish-eye Canon

I grandangolari “normali” partono da una focale di 10 mm fino ad arrivare ai 35 mm. Questi sono gli obiettivi preferiti dai paesaggisti o per chi si appassiona all’astrofotografia. Quando cominciamo ad avvicinarci a focali come 24 mm o 35 mm, questi obiettivi vengono utilizzati anche per chi fa foto da reportage o ritratti ambientati. Sono lenti che si trovano sul mercato un po’ a tutti i prezzi ma uno degli obiettivi più utilizzati al momento dai fotografi professionisti ed amatoriali, è il Samyang 14 mm F2.8 che è un’ottica di ottima qualità e che si trova sul mercato anche a meno di 300 euro. Un ottimo rapporto qualità/prezzo. (Fig. 5)

samyang_14
Fig. 5 14mm Samyang F2.8

Superando i grandangolari si giunge nella categoria della ritrattistica: 50 mm e 85 mm a mio avviso sono le migliori lunghezze focali per ritrarre sia una figura intera che in primissimo piano. Sono sempre a focali fisse, di ottima qualità e molto luminose. Si trovano sul mercato a qualsiasi prezzo, ad esempio il 50 mm f1.8 che sia Canon o Nikon, (raffigurato nella Fig. 1), lo trovate ad un prezzo che non supera i 100 euro. Consigliatissimo per cominciare. (Fig. 6)

Canon_EF_85mm_f12L_MkII
Fig. 6       85mm Canon

Superati gli 80 mm, entriamo in una nuova categoria che è quella dei medio-tele (Fig. 7). Gli obiettivi 90-100-105-135-180-200 mm sono quelli che vengono utilizzati in sport interni, sala posa e matrimoni in quanto estremamente versatili. A questa categoria appartengono anche gli obiettivi Macro che partono dai 90 mm ed arrivano ai 180 mm (Fig. 8). Quest’ultimi servono ad avvicinarci molto al soggetto da ritrarre in quanto ci permettono di mantenere un rapporto di riproduzione di 1:1 e di mettere a fuoco a pochi centimetri, se non millimetri, dal soggetto. I Macro, essendo molto nitidi non li consiglio per la ritrattistica (anche se spesso vengono usati), in quando vi farebbero risaltare tanto, ad esempio, gli inestetismi della pelle.

Oltre i 200/250 mm si entra nel mondo dei super-tele: 300-400-500-600-800-1000-1200 mm sono tutti obiettivi molto specifici che vengono utilizzati ad esempio negli sport esterni, avifauna, fauna terrena e cosa del genere. Pochi sono quelli zoom, ad esempio il Sigma 150-600 mm, che hanno come punto a sfavore il fatto di esser molto molto scuri in quanto partono da aperture focali di 5.6. Sono obiettivi molto ingombranti e di nicchia ma era giusto parlarne. (Fig. 9)

sigma_150-600s
Fig. 9           150-600mm Sigma

Passiamo al vostro kit da fotografo ed a qualche consiglio d’acquisto.

Se siete stanchi del solito 18-55 F3.5-5.6 che vi viene venduto a corredo della vostra reflex, il mio consiglio è prima di tutto capire per quale stile propendete e che tipo di fotografia volete scattare; fatto questo io dire di acquistare senza ombra di dubbio il 50 mm F1.8 che ha accompagnato un po’ tutti, compreso me, e che restituisce un’ottima luminosità ai vostri scatti e ritratti. Il secondo obiettivo che a mio avviso va preso in considerazione è il 70-300 F4-5.6 che è un po’ più scuro del primo ma vi può tornare utili in situazioni diverse. Il terzo obiettivo, che va quasi a completare il range focale che interessa un fotografo amatoriale, è senza dubbio il 24 mm F2.8 che vi permette di ritrarre paesaggi anche in condizioni difficili di luce ed avete un grosso angolo di campo che vi restituisce una grossa porzione di ciò che vedete ad occhio nudo. Un corredo che speculando un po’ tra siti e-commerce e negozi specializzati, non vi porterà via più di 500-600 euro.

Il mio ultimo consiglio è quello di non andare ad acquistare quei super zoom come il 18-200 o 18-135 in quanto sono lenti che non hanno una buona qualità dovuta dalla grossa escursione focale che devono coprire e questo fa sì che siano costruiti con lenti sia curve sia piatte che restituiscono un’immagine con aberrazioni cromatiche o altri fenomeni che abbassano la qualità.

Questi esempi, come ovvio che sia, valgono per gli obiettivi di fascia medio-bassa che rientrano in un dispendio economico sostenibile dalla maggior parte delle persone. Più avete a disposizione per l’acquisto degli obiettivi, più alta sarà la qualità delle vostre immagini.

Per quanto riguarda la classificazione degli obiettivi e quali acquistare abbiamo concluso; se vi è piaciuto il post cliccate mi piace e condividetelo, se volete avanzare dubbi o critiche, fatelo in basso.

A presto

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...